Sunday, November 16, 2008

Review iPhone 3G: due mesi ed un jailbreak dopo l’acquisto

Sono passati poco più di due mesi da quando l'iphone è entrato in famiglia ed è giunto il momento di tirare le somme di questa piattaforma.
Per questo telefono non ho badato a spese: ho comprato la versione white da 16GB e lo ho dotato di un abbonamento internet senza limiti con H3G Sweden che ha la gradevole caratteristica di funzionare sia in Svezia sia in Danimarca dove lavoro.
Il telefono mi accompagnia ogni giorno quando in treno percorro il ponte che separa i due paesi e quando sono in Danimarca può andare in roaming con praticamente tutti gli operatori, non solo con H3G; oltre a questo esiste una zona morta a metà del ponte che collega i due paesi e in questo frangente il telefono perde la linea e deve riaquisirla con H3G Denmark.
Stando così le cose direi che sono in una posizione ideale per testare il telefono e soprattutto metterlo a confronto con il Nokia N95 8GB.

Il telefono è stato aggiornato ovviamente al firmware 2.1 ed ha subito il jailbreak che invalida la garanzia Apple.
La giornata tipo con l'iphone comincia in realtà verso ora di cena. L'iPhone viene collegato al portatile che nella fattispecie è un MacBook Pro, ma potrebbe essere tranquillamente un portatile Vista. Alla connessione avvengono tutta una serie di cose: iPhoto viene lanciato e le foto scattate, che già sappiamo essere carenti in quanto a qualità, vengono importate sul computer. Nel frattempo iTunes viene lanciato e viene fatto un rapido backup del telefono che non contiene la musica in quanto già presente sul MBP: viene salvato l'indice della musica presente sull'iPhone e nel caso il computer ha le informazioni necessarie a ricostruire completamente la libreria video/musicale presente sul telefono. Il backup non impiega più di un paio di minuti, ovvero un decimo del tempo che impiegava con la vecchia release del firmware 2.0! Il fatto che il telefono sia jailbroken non cambia assolutamente nulla grazie alla perizia degli hackers.
Mentre il telefono sincronizza i contatti e gli appuntamenti avvio QuickTime e apro le serie TV scaricate durante la giornata, e con un click le converto in versione iPhone con quicktime: convertire un filmato di 45 minuti con il Penryn richiede circa 20 minuti di tempo e i risultati sono semplicemente perfetti. Una serie di Podcasts vengono automaticamente scaricati e riversati sul telefono (potrei scaricarli direttamente dall'iphone con cydia e probabilmente col firmware 2.2 potrò farlo direttamente dal telefono) per successivo ascolto; se comincio ad ascoltare parte del podcast o vedere parte dei video sul computer l'iPhone riprenderà ad ascoltare il podcast e ad eseguire il video dal punto in cui lo ho lasciato sul computer.
Conclusa la sincronizzazione il telefono viene staccato del computer e a questo punto comincio ad usare le applicazioni installate tramite Cydia. Con un leggero slide sulla barra in alto dello schermo faccio apparire gli switch che con un tasto mi fanno accendere il WiFi o il BT, abilitare l'SSH o spegnere la parte telefono!
Spengo subito il telefono ed accendo il WiFi in meno di 5 secondi e attivo il programma remote grazie al quale posso usare il telefono in tutta la casa come un telecomando per iTunes. Usare il telefono come un telecomando quando si hanno ospiti a casa è una figheria incommensurabile biggrin.gif
Prima di andare a dormire controllo le sveglie: ne posso settare quante ne voglio ovviamente e il volume della sveglia coincide con quello dell'altoparlante ma NON con quello dell'ascolto il cuffia (novità del firmware 2.1!).
Prima di addormentarmi mi leggo un po' di ebooks come faccio da quando avevo il 6630; leggere ebooks su questo velocissimo telefono è una goduria incredibile in considerazione delle generose dimensioni dello schermo. È possibile disabilitare l'autorotate ed avere sfondo nero e testo grigio come usavo prima su mobireader; la differenza è che il programma è infinitamente più veloce ad aprire un libro, tant'è che sul ninja non potevo mai chiudere il programma e dovevo lasciarlo in standby.
Al mattino il telefono comincia a squillare alle 6 con la prima sveglia (la seconda sará alle 6.10). Sinceramente è più la potente vibrazione a svegliarmi che la suoneria in se: il ninja da questo punto di vista è più squillante! La suoneria è stata ovviamente personalizzata a dovere.
Comincia la mattina e con due rapidi click accendo la parte telefono e disabilito il wifi che anche se acceso non ha consumato tanta corrente perché nessuna applicazione in background lo ha usato ed ho disabilitato la ricerca reti.
Mentre vado alla stazione in bicicletta di solito scelgo una canzone a caso e con le playlist genious lascio che il telefono peschi saggiamente tra i 10GB di musica riversati nella sua memoria: non sono sempre daccordissimo con le scelte di genius, quindi se non mi piace un pezzo devo fare un doppio click sul pulsantino degli auricolari per passare al successivo (e la lista genius ne terrà conto per la prossima volta!), mentre se volessi riascoltare lo stesso pezzo dovrei fare tre click.
Nel maleaugurato caso in cui ricevessi una telefonata in questo frangente il pulsantino sugli auricolari sarebbe l'unico modo pratico per rispondere al telefono perché usare lo schermo touchscreen con i guanti è semplicemente impossibile: il telefono ignora completamente i comandi se non vengono fatti con i polpastrelli.
Appena salito sul treno ricevo un SMS: se lo schermo è attivo vedo chi lo ha mandato, mentre se questo è disattivo ricevo solo l'avviso di un sms (per ragioni di privacy) e devo sbloccare lo schermo per sapere chi mi ha mandato il messaggio. Allo sblocco dello schermo devo inserire una password numerica di quattro cifre che può essere diversa dal PIN; credo sia di estrema importanza questa misura di sicurezza considerando quanti dati personali si trovano oggi su questi smartphones.
Per rispondere al messaggio preferisco usare il solo dito indice che deve toccare lo schermo con una inclinazione di quasi 90 gradi per la massima precisione con la tastiera. Scrivere messaggi con il pollice o i pollici (a due dita) comporta molti errori! L'autocorrezione viene in aiuto anche se probabilmente l'idiota che ha aggiunto parole per il dizionario italiano ha usato come testo i promessi sposi di Manzoni, con tutte le anticaglie di quella lingua!
Inviato il messaggio decido di controllare le emails ricevute e rispondo ad un paio di queste, e successivamente apro facebook per vedere cosa stia combinando Sejo biggrin.gif . Una volta modificato lo stato personale con qualcosa di carino decido di leggere il giornale. Mi collego subito col mio portale mobile e con tre click ho davanti a me la versione pdf degli editoriali italiani. Non posso aprire link in un'altra finestra, ma posso aprire molte pagine del portale stesso e da queste accedere alle prime pagine che mi interessano. Con due dita allargo il testo quanto basta e mentre assorbo la dose quotidiana di informazioni italiane ascolto un podcast in inglese (giusto perché farlo fa figo tongue.gif ).
Da notare che sino ad ora l'impossibilità di mettere applicazioni in background non ha avuto conseguenze di sorta.
Poco dopo apro quellicheilcell e leggo gli ultimi post: è probabile che il telefono crashi se tento di rispondere a questi messaggi, e questo mi secca parecchio! Andiamo con ordine: aprire Quellicheilcell richiede, in HSDPA, poco più di 6 secondi e le pagine successive si caricano in un battibaleno, ma nonostante l'impossibilità di mettere applicazioni in background la memoria del telefono è molto limitata, più o meno quanto quella di un N73, quindi se cerco di rispondere ad un post so che probabilmente Safari crasherà o comunque la tastiera diverrà molto lenta. Ormai ci ho fatto il callo e comunque fortunatamente con molti altri siti questo non succede: credo abbia a che fare con Invision. Questo tuttavia è veramente seccante perché mi pone la stessa limitazione che avevo con il ninja.
Ultimamente ho interrotto la visualizzazione delle firme e ridotto il numero di post per pagina, tant'è che se non è passato troppo tempo dall'ultimo riavvio riesco di solito a rispondere ai messaggi. Resta confermata la predisposizione del telefono a consultare contenuti e non a crearne! Credo che per creare contenuti la piattaforma ideale rimanga Windows Mobile 6 che tuttavia sono restio a sposare per tutto il tempo che mi porterebbe via e per il fatto che in fondo giro sempre con almeno un portatile in saccoccia e con un click posso condividere la connessione dell'iPhone grazie alle applicazioni Cydia.
Appena arrivato in suolo danese il telefono perde segnale, esattamente come il ninja. La differenza tra l'iPhone e il ninja si vede quando questi telefoni riprendono il segnale su suolo danese: visto che è possibile bloccare il ninja su UMTS, questo non deve scandagliare le frequenze GSM e il riaggancio del segnale avviene mediamente 30 secondi prima dell'iPhone. La differenza è che l'iPhone si collegherà sicuramente su H3G Danmark e proverà a collegarsi più a lungo, mentre il ninja si arrenderà prima dell'iPhone e si collegherà con la rete che ha il campo più forte, magari Telia 3G. Tralasciando le dolorose conseguenze che questo ha avuto in passato sul mio portafoglio, devo dire che i due telefoni sono raramente messi a dura prova su suolo scandinavo perché la copertura del segnale è eccellente ovunque. Ogni tanto capita di portare i telefoni nel mio bagnetto e là il segnale scende sino ad un paio di tacchette sino quasi a scomparire. In un corridoietto adiacente al bagno ho una zona di non segnale o segnale scarsissimo e mi è capitato di percorrerla mentre telefono col ninja e di perdere la comunicazione, mentre con l'iPhone non succede mai.
La mia opinione sulla tenuta del segnale è che la ricezione dell'iPhone sia ottima e potrebbe migliorare ulteriormente se ci fosse modo di bloccare il telefono su UMTS, nel qual caso il telefono sarebbe alla pari o supererebbe leggermente il ninja.
Tornando alla gita in treno: quando arrivo in ufficio col ninja questo automaticamente cambia profilo. Non uso il GPS per avere questa funzionalità, ma sono un tipo abbastanza regolare da poter usare i profili controllati con l'orario. Con l'iPhone l'unico modo per avere profili è usare il tastino laterale che attiva la vibrazione e spegne la suoneria. Disdicevole ma ci si fa l'abitudine.
Durante l'intera giornata mi capita spesso di dover prendere appuntamenti personali che inserisco sul mio googlecalendar e successivamente sincronizzo grazie alle applicazioni Cydia il calendario dell'iPhone.
Quando finalmente giunge l'ora di andare a casa comincia anche lo spettacolo tongue.gif
Metto le gambe sul pilota automatico e avvio qualche serie TV, e da lì sino a che non sono a casa mi godo i filmati convertiti sul piccolo schermo. È una figata unica!
Quando sono quasi a casa devo avvertire il capo del mio prossimo arrivo a casa, ma anziché fare una chiamata normale avvio Fring e chiamo direttamente (via UMTS) il numero interno del cordless casalingo: chiamata di una chiarezza esemplare e completamente gratuita. Conclusa la chiamata chiamo anche i miei parenti suscitando la curiosità di chi mi sta attorno visto che devo parlare italiano.
Ho testato moltissimi temi per l'iphone e tantissime modifiche all'interfaccia e ai suoni di sistema. Quelle che mi hanno più convinto sono il toogle per telefono, BT e WiFi che si attiva strisciando il dito sulla barra superiore (anche da dentro una applicazione!), un'altra che consente di avere 5 pulsanti sulla barra in basso invece che quattro e quella che mi consente di telefonare in VoIP attraverso l'HSDPA. Uso anche il software per creare video che sono fantastici nonostante la risoluzione inferiore rispetto a quella del ninja, e il software per avere più dettaggi con la camera. Per il resto uso quasi esclusivamente applicazioni scaricate dall'apple store.
Ultima nota: col la funzione telefono mi trovo veramente benissimo, addirittura meglio che con il ninja grazie al pratico touchscreen. Unica pesantissima limitazione che stento quasi a credere è l'impossibilità di creare un contatto a partire dal numero di chi ti ha appena chiamato, cosa che avviene spessissimo (esempio quando si fa lo squillo per far avere il numero agli amici!).

Nel complesso è un ottimo perditempo. Consente di gestire il lato multimediale in modo fantastico se non perfetto e si integra come il burro con iTunes che è diventato il mio player preferito.
Manca memoria RAM e per chi è abituato al ninja è un grosso problema! Non capisco l'idiozia degli ingegneri apple: io avrei volentieri pagato 30 euro in più per avere il doppio della ram ed eliminare tutti i problemi che riscontro con Safari.
Safari resta comunque il miglior browser dotato del miglior schermo; credo che se avessi un WM6 continuerei comunque ad usare il browser dell'iPhone, allo stesso modo in cui ho preferito tenere la scheda dotata di traffico internet sull'iphone invece che metterla sul ninja.
Click Here to Read More......


Saturday, August 23, 2008

iPhone 3G - review in italiano

Review - part 1
work in progress

Per esprimere un giudizio quanto più obiettivo possibile su un prodotto bisognerebbe aver completamente ignorato la pubblicità che ne ha circondato l’annuncio, mantenere possibilmente gli occhi bendati durante tutta la prova in modo da non far pesare troppo l’estetica sul giudizio finale e, quando possibile, estrarlo da un’anonima confezione incellofanata.
Con un iPhone 3G tutto questo è praticamente impossibile: dell’iPhone si è già parlato, nel bene e soprattutto nel male, sino alla nausea con successiva degenza in ospedale ed estrema unzione, tanto che persino mia nonna ultra 80 sapeva della sua esistenza; il telefono è indubbiamente stupendo, soprattutto nella sua livrea bianca, e, come ben sanno i clienti della mela, lo spacchettamento di un nuovo prodotto Apple è una tappa fondamentale del “think different”, un rituale da consumarsi preferibilmente in solitaria, onde essere i primi a posare le mani sudaticce sull’agognato gioiello di tecnologia, possibilmente durante le ore notturne, per non essere distratti da telefonate indesiderate, e decisamente in religioso silenzio, in modo da conservare un ricordo puro dei primi gemiti del pargolo. Solo così è possibile godersi appieno la soave frizione tra i bordi della bianca confezione che scorre lentamente a rivelare immediatamente il prezioso schermo touch screen, mentre le narici s’inondano di quell’inconfondibile profumino di elettronica e carta stampata e la cura maniacale con cui Apple ha confezionato il suo prodotto allevia la preoccupazione per il prezzo cui è stato comprato.
L’iPhone è tra le mie mani, e la stanchezza del lungo viaggio intrapreso svanisce magicamente. Una delle cose positive che accomunano i prodotti della mela è che generalmente arrivano al cliente già carichi e quindi possono essere utilizzati right away. Nel caso dell’iPhone le cose sono in qualche modo diverse perché l’iPhone non è un telefono come tutti gli altri e soprattutto non è un prodotto Apple come tutti gli altri. Per cominciare a utilizzare l’iPhone è necessario attivarlo attraverso iTunes e per continuarlo ad usare sarà necessario abituarsi ad usare quel programma che riveste un ruolo molto più importante rispetto alla PC Suite di casa Nokia. Non sono mai stato un fan di iTunes sino a che non sono passato a Mac OSX, e questo perché per Windows OS esistono tanti programmi che offrono molte delle sue funzioni senza essere altrettanto rigidi (WinAmp), ma devo ammettere che, dal punto di vista della sincronizzazione e gestione del telefono, iTunes è un altro pianeta rispetto alle suite di Nokia, SonyEricsson e Blackberry.
Una volta collegato l’iPhone ad iTunes e registrato, iTunes ha cominciato a sincronizzarlo, e, nel giro di pochi minuti, tutti i contatti, calendari, segnalibri e cronologia di Safari, foto e musica più ascoltata sono stati riversati nel telefono, un backup completo è stato creato e successivamente il firmware è stato aggiornato alla 2.0.1 (che presto sarebbe diventato 2.0.2). Avete presente quel senso di nervosismo che prende tutti gli utenti Symbian quando devono aggiornare? Ebbene, nonostante stessi per aggiornare 250 MB di firmware l’unico sudore era causato dal calore di questa estate italiana e non era di certo sudore freddo!
Mentre il telefono sincronizzava mi sono messo a guardare il contenuto della confezione che ha fatto compagnia al telefono per così tanto tempo: un set di cuffie con tasto magia sul quale tornerò, un morbido panno capace di pulire a specchio lo schermo, un cavo USB lungo circa 60 cm, un caricatore da rete con uscita USB femmina (cui va collegato il cavo USB) ed un punteruolo per estrarre la SIM dalla slitta. Trovo sbalorditiva l’assenza di un dock e di una custodia! Per 50 € in più Nokia mi ha fornito di cavo A/V e telecomandino ma le cuffie Nokia erano decisamente più scadenti di queste ed il telecomandino bel piú scomodo, quindi c’è poco da arrabbiarsi. Da notare che, al momento, l’unica dock ufficialmente compatibile con l’iPhone 3G non presenta uscita video e non integra il telecomando (che si chiama iRemote, ovviamente) quindi è consigliabile aspettare che esca qualcosa di più interessante. In quanto alla custodia ho già provveduto a comprare un “calzino” che conto di rimpiazzare non appena mi sarò reso conto del tipo di custodia necessario per questo gingillo nella vita di tutti i giorni.
Ecco, si è sincronizzato e si può cominciare.
Innanzitutto noto con piacere che le foto dei contatti sono state sincronizzate ma l’iPhone integra quello che nel Symbian si chiama full screen caller quindi sarà necessario inserire foto a maggior risoluzione per apprezzarle a schermo pieno. Uno dei tricks è quello di creare un album su iPhoto con le foto dei contatti già adeguate alla risoluzione dello schermo e aggiungere l’album alla lista di quelli che vengono sincronizzati con l’iPhone. A proposito di foto: iTunes ridimensiona le foto prima di trasferirle, quanto basta per garantire uno zoom 2x, e trovo sia una scelta razionale anche se preferirei poter modificare questo criterio per alcuni degli scatti. In questo modo la mia intera libreria di foto (circa 10 GB al momento) è stata trasferita in un battibaleno occupando meno di 200MB di spazio.
Lo spazio di archiviazione per il white ammonta a circa 15GB visto che 300 MB se ne vanno da soli per il SO e la memoria utilizzata è la più veloce che mi sia mai capitato di usare, paragonabile alla mia chiavetta Cruzer (siamo intorno ai 10 MB/s in scrittura).
iTunes salva automaticamente un file xml associato alla libreria musicale che contiene un indice di tutte le canzoni inserite nella libreria con associato un playcount e lastopen, quindi iTunes è in grado di trasferire le canzoni secondo i criteri più svariati e facilmente programmabili dall’utente, tipo ultimi brani ascoltati, album più ascoltati, ultime canzoni importate ecc. Personalmente suggerisco di trasferire la musica attraverso una serie di playlists.
Allo stesso modo è possibile gestire l’importazione dei podcasts di cui sono ovviamente dipendente (non perché sono una invenzione Apple!). È possibile sincronizzare un numero di episodi per ogni show in base a diversi criteri.
Più laboriosa è invece l’importazione delle suonerie: vanno prima convertite in aac (in caso non lo fossero di già), modificata l’estensione in aar ed infine trascinate su iTunes in modo che vengano sincronizzate. Se queste non superano i 30 secondi compariranno nella lista di suonerie e sarà possibile selezionarle senza problemi. Molti storceranno il naso di fronte a questa serie di operazioni ma è tutto molto rapido (iTunes stesso può fare la conversione in aac per noi) ed è per una buona causa: le suonerie non verranno confuse dal reparto iPod del telefono!
Collegando le cuffie all’iPhone cominciano le magie: la gestione della libreria musicale è fantastica, fenomenale, mirabolante, pratica, adorabile… semplicemente addictive! Ruotando il telefono di novanta gradi è possibile usare cover flow direttamente sull’iPhone proprio come su iTunes e sfogliare gli album è un piacere libidinoso, tanto che mi sono venute in mente le parole di Steve quando presentò l’iPhone l’anno scorso: “you can touch your music”. È proprio vero: semplicemente oggi non esiste un modo migliore per gestire la propria libreria musicale rispetto all’accoppiata iTunes – iPhone. Sono nati per stare assieme e se potessi scegliere sotto mac OSX lo preferirei addirittura a WinAmp! Le cuffie hanno un unico pulsantino che consente di rispondere alle chiamate, play/pause e persino passare alla traccia successiva tenendo premuto. Per regolare il volume si possono usare i pulsanti laterali dell’iPhone che restano attivi anche quando il device è bloccato.
Passando al GPS vi parlo subito del test di fuoco che ho fatto ieri sera. Sono andato a Forte dei Marmi che dista 40 km da dove avevo usato il GPS l’ultima volta ed ho parcheggiato la macchina in una viuzza inesplorata. Ho un innato senso dell’orientamento quindi non ne avevo veramente bisogno, ma ho ugualmente tirato fuori il telefono e acceso il GPS. Passano manco 5 secondi e SENZA CONNESSIONE WiFi/GPRS/UMTS il telefono ha centrato la zona su una mappa che non potevo vedere perché avevo spento la connessione dati. Ora non so voi, ma questi tempi di acquisizione mi sanno di SFIII! Qualche ora più tardi, giusto per sfizio, ho provato a far funzionare il GPS in casa dove il ninja non ha mai ottenuto il fix neanche dopo 10 minuti con AGPS acceso, e dopo poco piú di 30 secondi con la connessione WiFi attiva e il telefono in flight mode ha ottenuto il fix con un errore inferiore ai 10 metri (mi posizionava fuori casa invece che sul tetto). Ne deduco che il GPS è una bomba! Come sapete non esiste ancora il TomTom sull’AppStore e con Google Maps se vi muovete in macchina la mappa non si muove con noi ma bisogna centrarla con un apposito pulsantino o col dito. Ci sono molte applicazioni che sfruttano il GPS dell’iPhone e la rete internet. Ne ho testata una ad esempio che si chiama Locly (freeware) che ottenuta la posizione GPS indica tutti i ristoranti, teatri, cinema, attrazioni turistiche, paesini ecc della cittá/provincia, e poi un’altra che consente di inviare la propria posizione via SMS e farla comparire sulla googlemaps nel caso il ricevente sia dotato di iPhone; questo solo per dire cosa si può fare oggi col GPS integrato.
Cambio argomento per parlare dei settaggi dell’iPhone, che sono di una semplicità semplicemente disarmante, forse pure troppo. È possibile settare praticamente tutto ma la prima cosa che ho controllato è stata l’impostazione della lingua. Noto con estrema soddisfazione che l’iPhone contiene un sacco di lingue e consente di impostare tutte le lingue che verranno usate dalla tastiera. Uno dei pulsanti in basso a sinistra della tastiera consente di selezionare la lingua in uso al momento e quindi il corrispettivo correttore ortografico che con l’italiano sembra svarionare un po’ anche se noto con piacere che ha giá imparato a riconoscere Quellicheilcell senza che abbia dovuto fare nulla ☺

Due parole anche sul famoso “slide to unlock”. Il geniale sistema (brevettato) è molto più intelligente di quanto pensassi. Se per esempio il telefono riceve un SMS a schermo bloccato la scritta si trasforma in “slide to read”, cosa che ha provocato un gemito di piacere la prima volta che lo ho notato.
Una nota anche sulla batteria: tenendo conto che lo sto massacrando e lo tengo in una zona generalmente poco coperta con continuo switch 2G/3G del segnale TIM… direi che si comporta molto bene perché alla terza ricarica ho superato le 24 ore. Con scheda H3G l’autonomia invece ha sofferto parecchio: non sono arrivato a sera, ma di questo ne riparleremo più avanti.

continua.... Click Here to Read More......


Friday, August 22, 2008

iPhone 3G - test comparativa fotografica

Megatest fotografico

Canon Powershot G7 vs Nokia N95 8GB vs Blackberry Curve 8310 vs Apple iPhone 3G

Ecco qua. Ho scattato la foto allo stesso soggetto esattamente dalla stessa posizione e sempre con impostazioni tutte automatiche e a distanza di 10 secondi l'una dall'altra.
La foto sulla sinistra contiene una porzione di cielo ed è interessante notare se il cielo assuma lo stesso colore della Canon G7 che uso come riferimento. La foto a destra invece è il solito incubo per ogni macchina fotografica visto che contiene un sacco di dettagli differenziati solo da gradienti di verde. L'iPhone 3G produce le immagini piú piccole di tutti quanti, ma prima di esprimere un giudizio personale aspetto di vederlo in azione in altri frangenti.

Canon PowerShot G7
Immagine IPB Immagine IPB

Apple iPhone 3G
Immagine IPB Immagine IPB

Nokia N95 8GB
Immagine IPB Immagine IPB

Blackberry Curve 8310
Immagine IPB Immagine IPB


---> link al Flickr set test iPhone 3G <---
Click Here to Read More......


Tuesday, April 22, 2008

Skype toglie lo scatto alla risposta

Incalzata dai popolari servizi Betamax e dai mugugni di casa ebay, skype si prepara a lanciare la contromossa con tre piani abbonamento che potrebbero effettivamente essere interessanti.
I piani prevedono chiamate illimitate verso le utenze fisse di un paese a scelta, SENZA scatto alla risposta e un numero SkypeIn che ancora non funziona in Italia (grazie al ministero):

Immagine IPB
Senza limiti Uno (chiami un solo paese europeo con fair usage da 10000 minuti al mese)
Immagine IPB
Senza limiti Europa (chiami 20 paesi europei)
Immagine IPB
Senza limiti Mondo (chiami 34 paesi globali)

I costi sono rispettivamente di 3.39, 4.54 e 8.95 €/mese

Come potete vedere i prezzi sono concorrenziali rispetto a betamax in cui si pagano 12€/mese ma il fair usage è da 5 ore alla settimana ovvero 60x5x4=1200 minuti al mese

La qualitá della chiamata skypeOut è in genere superiore a quella Betamax (parlo soprattutto in termini di echo) ma c'è da dire che con gli smartphones nokia ad oggi ancora non esiste un client ufficiale e quindi si è costretti ad usare Fring, mentre per i telefoni con WiFi o HSDPA la Betamax funziona egregiamente smile.gif

Per chi fosse interessato a provare c'è anche una promozione in corso:
Immagine IPB

Info and buy

Immagine IPB

Click Here to Read More......


Monday, April 7, 2008

SonyEricsson va a Paris e batte un colpo!

Immagine IPBInsomma, se ci si aspettava un segno di vita da parte di SE sembra che finalmente qualcosa stia per smuoversi.
Innanzitutto una foto che la dice lunga sulla bellezza di questo apparecchio:

Immagine IPB

Vi presento il Paris (che è il nome in codice del progetto, niente di piú!).


L'annuncio ufficiale è previsto in Maggio ma qualcosa è giá trapelato.
Questo gioiellino presenta il Symbian UIQ 3.3 preinstallato, quindi si parla di Opera 8.5 smile.gif e la nuova grafica cui accennavo in questo post. Ovviamente c'è un largo schermo touch screen e non poteva mancare la tastiera slide (ma ancora non so da che lato esca, se sotto come nel ninja o lateralmente). La tastiera dovrebbe essere in stile P1 (quindi coi tasti accoppiati e bilancere) quindi è presumibile che sia tipo ninja.

I materiali sono apparentemente di prim'ordine. Il lato frontale è lucido mentre per il lato posteriore sembra sia stato utilizzato metallo (in stile iPod!). Non lasciatevi suggestionare dalle immagini perché il Paris è veramente sottile (dovrebbe essere spesso quanto o meno del P1).

Sul retro del telefono è presente uno slide che copre la camera a 5MPixel (probabilmente ereditata dall'ottimo K850)
Integra inevitabilmente un GPS:
Immagine IPB
Dovrebbe uscire con GoogleMaps preinstallato (che è stato rilasciato ufficialmente per UIQ il mese scorso).

È UMTS (ancora non so se 3 o 3.5G) e integra ovviamente Bluetooth 2.0 e (finalmente) WiFi B/G.

Il mistero rimane su CPU, HSDPA e qualitá video wink.gif ma entro un paio di settimane dovrebbero uscire altre informazioni su questo apparecchio.
Inutile dire che lo terró d'occhio biggrin.gif

fonte
Click Here to Read More......


Saturday, April 5, 2008

Subtitles resources

Best for English and French (very fast on main shows for English
sometimes same day):

http://www.swsub.com/
http://www.seriessub.com
http://www.forom.com

http://www.tvsubtitles.net/

http://www.wikisubtitles.net/

http://subtitlesource.org/

This site has English subtitles of good quality usually before any other site but is in Chinese:
http://www.shooter.cn/

but you can navigate it with the instructions provided here:
Shooter Use Instructions


Then (some also carry English subtitles):

Bulgarian:
http://subs.sab.bz
http://subs.unacs.bg

Chinese:
http://www.1000fr.com
http://www.shooter.cn
http://www.ydy.com
http://www.subom.com

Czech:
http://titulkykserialum.net

Dutch:

http://nlondertitels.com

http://ondertitel.com/

German:

none worth bothering to date


Greek:
http://www.greektvsubs.gr

Hebrew:
http://www.torec.net
http://www.donkey.co.il/movies/subtitles

Hungarian:
http://www.feliratok.hu
http://hosszupuska.sytes.net

Italian:
http://www.italiansubs.net
http://www.subsfactory.it
http://extremesubs.netsons.org

Korean:
http://warrior45.tistory.com


Polish:

http://napisy.info/

http://napisy24.pl

http://hatak.pl

Portuguese (Brazil):
http://www.legendas.tv

www.subseries.tv

Serbo-croatian:
http://www.prijevodi-online.org

Spanish:
http://vo.tusseries.com
http://www.sharerip.com
http://blogs.vivito.net/blog/subtitulos_series
http://ikabot.net

http://www.thesubfactory.net

http://www.subdivx.com

Spanish (Latin America):
http://www.subdivx.com/index.php

Spanish (Argentina):
http://www.argenteam.net

Spanish (Chile):
http://subs.asia-team.net/

Swedish:

http://www.undertexter.se

http://www.underteXter.se
http://www.SWEsub.se
http://www.DivXSweden.net


Turkish & English:

http://www.divxplanet.com/

Various languages:

http://www.opensubtitles.org/en
http://subscene.com
http://www.podnapisi.net/
http://titles.box.sk/
ftp://ftp2.1000fr.com id:sub pw:sub
Click Here to Read More......